carte-dal futurismo ad oggi invito

CARTE – Dal Futurismo ad Oggi

Con oltre quaranta opere tra chine, inchiostri, carboncini, tempere, oli, acquarelli e gouache di artisti attivi dal Futurismo ad oggi, la mostra intende esaltare il supporto per eccellenza dell’arte, la carta, depositaria delle tracce e dell’azione dell’artista.

lorenzetti

Carlo Lorenzetti

L’obiettivo di Lorenzetti sono delle composizioni che librino nello spazio-luce ad immagine di un mondo “astroferroso” tese a negare ogni consistenza di massa e di peso

Domenica Futurista

In mostra un’accurata selezione di opere dei Maestri Futuristi e dell’Astrattismo, artisti che hanno fatto la storia dell’Arte, la cui opera dialoga con l’attualità dei contemporanei: Accardi, Almagno, Angeli, Alviani, Balla, Boccioni, Cerone, D’Anna, Hafif, Lorenzetti, Mastroianni, Prampolini, Porcari, Scolamiero, Severini, Tato.

Seventies

“GLI ANNI ’70 SONO ANNI DI LIBERTÀ, DI TRASGRESSIONE, DI LOTTE POLITICHE IN CUI ESPLODONO LA CREATIVITÀ, LA VOGLIA DI PROGRESSO A TUTTI I COSTI E NASCE IL GRANDE INTERESSE PER L’ARTE CONTEMPORANEA.”

Qui-arte-contemporanea-qui

QUI arte contemporanea QUI

“CONVINTI CHE L’ARTE FOSSE IL MEZZO MIGLIORE PER RAGGIUNGERE LA SENSIBILITÀ DELLA GENTE, VOLLERO UNO STRUMENTO PER SVILUPPARE UN SENSO CRITICO TRA LE MODE DEL MOMENTO, CARATTERIZZATE DA UN LINGUAGGIO COMPLETAMENTE NUOVO.”

Lorenzetti-invito

Lorenzetti : Ferri Lunatici

“SONO IMMAGINI CHE VIVONO NEL RAPPORTO DIALETTICO TRA I SEVERI E NETTI PIANI DELLE NERE LAMIERE DI FERRO E LE VIBRANTI MODULAZIONI PLASTICHE DELLE LASTRE LUNARI DELL’ALLUMINIO.
FORME FLUENTI O ACCIDENTATE, ALI FRASTAGLIATE AL VENTO, SUPERFICI FLESSE IN OGGETTI ED ANSE CREANO ESTROSI, LIBERI GIOCHI NELL’ARIA CHE, RITMANDO LA LUCE NELLO SPAZIO CON TEMPI LENTI O ACCELERATI, SI ESPANDONO VERSO IL CIELO, SI ADAGIANO SU AMPI ORIZZONTI O SI INCASTRANO IN LUOGHI SOLITARI.”

vedo-rosso-invito

Vedo Rosso

“LA MOSTRA PROPONE, QUINDI, LE INFINITE DECLINAZIONI DEL ROSSO DA PARTE DI ALCUNI TRA I PIÙ NOTI ARTISTI CONTEMPORANEI ED OFFRE UN PANORAMA MOLTO VARIO, IN CUI NONOSTANTE IL COMUNE – È PROPRIO IL CASO DI DIRE – FIL ROUGE, OGNI OPERA È IL RISULTATO “UNICO” DI UNA SINGOLARE, PERSONALE INTERPRETAZIONE DI UN COLORE CHE NON HA MAI LASCIATO NESSUNO INDIFFERENTE.”