Antonio Scordia, grandi opere anni settanta ottanta

ANTONIO SCORDIA, grandi opere anni sessanta ottanta

“L’ARTISTA PASSA DA UNA PITTURA, DOVE IL GESTO E LA MATERIA SONO INSCINDIBILI, ….E POI, VIA VIA, LA PIÙ RASSERENATA CALMA DELLE GRANDI STESURE, DEGLI SCONTRI DI ZONE, DEI GIALLI, DEI NERI, DEI ROSSI, DEGLI AZZURRI, SOSTENUTI DA UN CONTRAPPUNTO FINISSIMO DELLE SUPERFICI, INTESSUTE”

vedo-rosso-invito

Vedo Rosso

“LA MOSTRA PROPONE, QUINDI, LE INFINITE DECLINAZIONI DEL ROSSO DA PARTE DI ALCUNI TRA I PIÙ NOTI ARTISTI CONTEMPORANEI ED OFFRE UN PANORAMA MOLTO VARIO, IN CUI NONOSTANTE IL COMUNE – È PROPRIO IL CASO DI DIRE – FIL ROUGE, OGNI OPERA È IL RISULTATO “UNICO” DI UNA SINGOLARE, PERSONALE INTERPRETAZIONE DI UN COLORE CHE NON HA MAI LASCIATO NESSUNO INDIFFERENTE.”